Richard Migliore: Letter to the Editor